Marco Giallini, sei cose che non sapete di me

Sono nato un giorno dopo Marlon Brando, l'ho mancato di poco

  • Marco Giallini in Rocco Schiavone
  • Marco Giallini
  • Cinema: 'Beata Ignoranza'
  • Marco Giallini  ''Rimetti a noi i nostri debiti''
  • PREMIO FLAIANO 2017

(di Francesca Pierleoni)

E' stato un vero show quello di Marco Giallini nell'incontro con i ragazzi al Giffoni Film Festival. Tra battute e siparietti a ripetizione (compresa una sua imitazione dei cantanti di X Factor), accolte dai giovani giurati con risate e applausi, sono venute fuori anche riflessioni più serie. Ecco alcuni dei temi della conversazione:

Perfetti sconosciuti
''Non avrei mai creduto che avrebbe avuto questo successo mondiale - ha spiegato - sul set pensavamo di fare un film d'autore e pensavamo lo sarebbe stato anche negli incassi. Ora invece per questo film mi riconoscono dovunque, anche in Cina, è stranissimo. Ci saranno tanti remake, quello americano lo produrranno credo De Niro e DiCaprio. E Genovese mi ha raccontato che DiCaprio gli ha detto che non reciterà nel film, ma se alla fine decidesse di farlo, interpreterebbe Rocco (il personaggio di Giallini, ndr).. sono soddisfazioni''.

I ruoli che sogno
''Mi sarebbe piaciuto fare un supereroe come l'Uomo ragno o Robin Hood, ma quelli vecchio stile come Sean Connery. Oppure amerei interpretare un personaggio di altre epoche, del Medioevo, o del '700. Adoro film come Amadeus o I duellanti''.

Il web e i social
Stiamo vivendo un processo che non so se sia giusto o sbagliato, ma è sicuramente inarrestabile. I social non sono usati bene, perché sono anche in mano a emeriti coglioni. E c'è chi usa il web per spargere violenza. Poter guardare video come quelli dei tagliagole, non è democrazia, è fascismo. Io non li uso, a parte un po’ What’s app.

Essere padre 
E’ bellissimo avere per casa ragazzini che ti rubano soldi tutto il tempo - scherza, guardando i suoi due figli, Rocco e Diego, presenti in sala -. Io ho due maschi, se con mia moglie avessi fatto una femmina, penso che oggi non sarei qui, sarei in carcere, perché non sarei stato molto pacato con i ragazzi che sarebbero venuti a cercarla. Sono un tipo gelosissimo’’.

Stanislavski e il lavoro d’attore
Per quanto mi riguarda, Stanislavski, con il suo metodo poteva andare a raccogliere la cicoria. A parte gli scherzi, ho provato a leggerlo, ma non rispecchia il modo in cui lavoro io, sono più immediato. Anche nella mia scuola di recitazione veniva insegnato, una mia insegnante ad esempio mi chiedeva di fare il fuoco e io che venivo da ore di lavoro come imbianchino rispondevo che non era roba per me. Mi è capitato di essere in film con attori che invece lo seguivano . Una volta il cointerprete di un film, un attore bravissimo, aveva deciso di non parlarmi per un mese perché sennò non avrebbe potuto esprimere odio verso il mio personaggio in una delle scene. Io la mattina delle riprese gli ho dato una capocciata e la scena è venuta benissimo. Poi gli ho detto, ‘hai visto, non c’era bisogno che non mi parlassi per un mese’’’.

L’amicizia con Francesco de Gregori
Avevo fatto, citandolo, con Laura Morante e Giorgio Tirabassi uno sketch in Boris, poi invece l’ho conosciuto, ho capito che era un genio e siamo diventati amici. Siamo nati lo stesso giorno, il quattro aprile, anche se con qualche anno di differenza. E il tre aprile è nato Marlon Brando… l’ho mancato di poco’’.

Speciali ed Eventi vai alla rubrica >>
[an error occurred while processing this directive]